Conf. “Le istituzioni culturali di Avezzano precedenti il terremoto del 13.01.1915”

Si è svolta nel pomeriggio di oggi, a partire dalle ore 16 presso l’Auditorium dell’Agenzia di Promozione Culturale, la conferenza di Gianluca Tarquinio dal titolo “Le istituzioni culturali di Avezzano precedenti il terremoto del 13 gennaio 1915 e la Società Operaia di Mutuo Soccorso”. L’incontro rientra tra le iniziative messe in atto dalla Pro Loco locale per il centenario del terremoto. Al centro della discussione le istituzioni culturali presenti ad Avezzano prima del terremoto: la banda musicale, gli organi delle chiese, il teatro. Si tratta di realtà che offrivano agli avezzanesi momenti particolari di intrattenimento culturale. In alcuni casi questi ruotavano intorno alla Società Operaia di Mutuo Soccorso che, indiscutibilmente, ha rappresentato il trait-d’union sociale tra le “due” Avezzano.
TEATRO: Già nel periodo che va dal 1597 al 1663 la città ospitava un teatro. Dagli atti di un processo del 1778 si evince come questo fosse dotato di una prima fila, in cui sedevano le donne, da una platea, da un palco sul cui retro erano collocati i camerini, e da due palchetti laterali: da una parte vi erano le donne di un certo rango, dall’altra l’orchestra. Negli anni tra il 1823 ed il 1825 ci sono una serie di delibere da parte del Comune a favore del Teatro. Furono eseguiti dei lavori di ristrutturazione che durarono 6 mesi. Nel 1880 l’architetto Orlandi venne incaricato di realizzare un nuovo teatro. La nuova costruzione fu eseguita agli inizi dell’ultimo ventennio del XIX secolo. Il nuovo teatro venne intitolato a Ferdinando Ruggeri, sindaco della città.
LA BANDA: La prima testimonianza che abbiamo sull’esistenza della banda è datata 1744. Vincenzo Scipioni è il primo maestro conosciuto. Nel 1874 inizieranno le pratiche che porteranno alla municipalizzazione della banda. Nel 1881 vengono acquistati i primi strumenti. Negli anni precedenti il terremoto venne allestita una banda di bambini. Tra il 1884 ed il 1890 Luigi Perotti è l’uomo musica di Avezzano poiché ricopre tutte le cariche possibili: direttore della banda, organista della cattedrale, maestro di praticanti e musicisti e responsabile della scuola di musica cittadina.
L’ORGANO: Nel 1706 venne costruito l’organo della Chiesa di San Bartolomeo. Nel 1876 nella chiesa ci sono due organi: uno sull’altare, l’altro sulla porta d’ingresso. Per quanto riguarda l’organizzazione c’erano gli organisti, che suonavano soltanto, ed i maestri di cappella, che oltre a suonare gestivano tutte le attività musicali della chiesa. In particolare scrivevano le musiche per le occasioni importanti. Dopo il terremoto venne inaugurato il nuovo organo “Tamburini”.
SOCIETA’ OPERAIA DI MUTUO SOCCORSO: Ad Avezzano nacque il 9 luglio del 1876 ed ebbe come presidente onorario Giuseppe Garibaldi. Il primo presidente fu Orazio Mattei. Essa offriva, con le quote versate da ciascun socio e  con i contributi dei benestanti, assistenza medica, aiuti in denaro per l’ acquisto di medicinali e altro. Nello stesso tempo si occupava anche di cooperare al bene intellettuale e materiale dei soci attraverso corsi di istruzione scolastica e di formazione professionale, non tralasciando l’aspetto ricreativo. Nel 1898, per far fronte alla crisi, la SOMS aprì un forno per vendere il pane ad un prezzo accessibile. Nel 1899 venne annunciato il suo riconoscimento giuridico. (Fonte Quotidiano Online “Terre Marsicane”)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *