La Nostra Storia

Il 28 febbraio 2014, dopo alcuni decenni, rinasce la Pro Loco di Avezzano: “Vogliamo fungere da motore per le attività culturali a 360°, poiché Avezzano ha grandi potenzialità che la Pro Loco, in sintonia con il Comune, vuole aiutare a far crescere”. Queste sono state le prime affermazioni del Presidente Federico Edoardo Tudico che, coadiuvato dal Vice Presidente Ilio Leonio, guideranno l’associazione insieme ad un Consiglio Direttivo, ai Revisori Dei Conti e ad un Collegio di Probiviri.

La Rinascita della Pro Loco è stata messa alla prova da due grandi eventi: la sua presentazione alla cittadinanza ed il Centenario del Terremoto del 13 Gennaio 1915. Proprio per questo, la Pro Loco ha dislocato le sue manifestazioni anche, e soprattutto, in luoghi non convenzionali per questo tipo di iniziative, riscuotendo il plauso della gente.

Per il conseguimento del primo obiettivo, il 6 Settembre 2014 fu organizzata la “Prima Giornata con La Pro Loco di Avezzano”che culminò con l’illuminazione del campanile della Cattedrale di San Bartolomeo, portando in Piazza Risorgimento migliaia di persone.

Circa un mese dopo, il 24 Ottobre, presso la Sala Consiliare, la Pro Loco presentò il proprio programma per il Centenario “100 Anni – Terremoto Avezzano” che si sarebbe concluso nella primavera del 2016, dimostrando subito tutte le proprie potenzialità organizzative e qualitative. Si è trattato di un ricco e articolato calendario che ha spaziato dalle Conferenze ai concerti, dalla realizzazione di opere d’arte alle mostre, il tutto guidato da due principi basilari: essere il più possibile tra la gente e proporre novità sulla storia del Terremoto e della Marsica. Il Calendario “100 Anni – Terremoto Avezzano” è stato l’incubatore dei seguenti eventi: 22 conferenze, 2 mostre, 4 concerti, 3 presentazioni di libri.

Il 4 Febbraio 2015 la Pro Loco mobilitò oltre 600 Avezzanesi in Vaticano, nella Basilica di San Pietro 3 Sacerdoti del Capoluogo Marsicano officiarono una Messa per poi recarsi tutti presso la Sala Nervi ad assistere l’udienza con Papa Francesco, al quale fu donata un icona, realizzata dai ragazzi del Liceo Artistico di Avezzano, riproducente la Madonna di Pietraquaria unitamente ad un grande drappo in seta raffigurante lo stemma dello stesso Pontefice. In questa occasione, Papa Francesco ha ringraziato pubblicamente la Pro Loco e ha ricordato il terremoto del 13 Gennaio 1915.

 La Pro Loco di Avezzano inoltre, non ha dimenticato altre due importanti ricorrenze ricadenti nel 2015.

La prima è stata il Trentennale della visita di Giovanni Paolo II, che il 24 Marzo 1985 visitò la città . Il 22 Marzo 2015, presso il Santuario della Madonna di Pietraquaria, la Pro Loco, per questa occasione, ha fatto realizzare una grande opera dell’artista Rita Monaco, raffigurante il Santo Padre che tende le proprie mani verso i fedeli, posizionata sulla parete dinanzi l’entrata principale del Santuario.

L’altra importante ricorrenza alla quale la Pro Loco ha dedicato la sua attenzione, è stata quella del Centenario della Prima Guerra Mondiale, in occasione della quale, presso il Commissariato della Polizia di Stato, oltre allo svolgimento di una serie di conferenze a tema, è stata allestita una mostra espositiva di rarissime armi da sparo e bianche, cimeli utilizzati in quel conflitto, documenti e divise storiche.

A conclusione della mostra si è provveduto alla deposizione di una corona d’alloro al monumento ai caduti di tutte le guerre e all’inaugurazione di un cimelio di artiglieria, un cannone SR 57mm, che la Pro Loco ha donato alla propria città. Sul posto per il picchetto d’onore , erano presenti anche due plotoni del IX reggimento Alpini e una fanfara militare. Per il termine della ricorrenza, la sera presso il Teatro dei Marsi, è stato tenuto un’entusiasmante concerto tenuto dalla Banda Musicale Scuola Trasporti e Materiali dell’esercito italiano.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •