Nascita Pro Loco Avezzano

Ad Avezzano torna a vivere la Pro loco. In un’affollata riunione in Comune è stato eletto presidente Edoardo Federico Tudico, vice Ilio Leonio, segretario Fabio De Santis, tesoriere Efisio Di Renzo. L’associazione ha già ricevuto un centinaio di adesioni. «Abbiamo scelto il Comune come sede per le elezioni delle cariche» commenta il presidente Tudico, «ma ora abbiamo bisogno di una sede. Che per il momento ancora non c’è. Siamo entusiasti per i consensi racconti e per il plauso del sindaco Gianni Di Pangrazio. Il nostro scopo è quello di promuovere la cultura del nostro territorio. E quindi organizzare mostre, esposizioni e concerti, dando spazio alle associazioni locali culturali, musicali e di promozione sociale». L’obiettivo è condiviso in pieno dal primo cittadino, presente all’inaugurazione insieme al consigliere comunale, Rocco Di Micco. «La ricostituzione della Pro loco», sottolinea Di Pangrazio, «segna un passo in avanti per il panorama culturale di Avezzano, una città che guarda al futuro, puntando sulla valorizzazione di talenti, artisti marsicani e luoghi simbolo della cultura, come ad esempio il Teatro dei Marsi, che non aveva neanche la scritta».

Nel ruolo di consiglieri sono stati designati Walter Bonaldi, Giorgio Apolloni, Claudio Abruzzo, Antonio Mastrangelo, Maria Tempesta, Rita Genovesi, Angelo De Zanet, Gianluca Tarquino, Carlo Genovesi, Claudio Cosimo, Umberto Tonon, Fabio Paoloni, Gianni Guidobaldi, Maurizio De Santis e Assirto Giacchetti. Il collegio dei revisori dei conti è composto da Patrizia Gentile (presidente), Giovanni Catini e Piera De Angelis (componenti effettivi), Carmela Rotondo e Oscar Genovesi (supplenti); mentre nei probiviri sono stati designati Nadia Di Matteo (presidente), Vincenzo Di Berardino, Rossana Braganza e Costantino Cavarocchi.

«Adesso è necessario trovare subito una sede» conclude il presidente Tudico «in modo che la Pro loco di Avezzano torni ad essere propositiva come lo era nel 2000. In città ci sono tanti giovani talentuosi che non riescono a trovare spazi per esporre le proprie opere e per farsi conoscere. Come i ragazzi che lo scorso Natale hanno realizzato una mostra di presepi e che non sono riusciti subito a trovare uno spazio dove esporla. E che poi sono riusciti a fare una mostra in cattedrale, che ha riscosso un grande successo di pubblico». (Fonte Quotidiano “Il Centro”)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *